Iniziare Sessione

MESSA MARTEDÌ DICIANNOVESIMA SETTIMANA DI TEMPO ORDINARIO 2011

È possibile installare la nostra estensione del ciclo liturgico sul vostro sito Blogger, Wordpress e Joomla.

La Chiesa cattolica romana, secondo il Calendario Romano, celebra in Martedì, 2011-08-09 i seguenti:

  • SANTA TERESA BENEDETTA DELLA CROCE 2011:

    PRIMA LETTURA DELLA SANTA MESSA

    Ti farò mia sposa per sempre.

    Os 2,16.17.21-22

    Dal libro del profeta Osèa
    Così dice il Signore:
    «Ecco, la condurrò nel deserto
    e parlerò al suo cuore.
    Là mi risponderà
    come nei giorni della sua giovinezza,
    come quando uscì dal paese d’Egitto.
    Ti farò mia sposa per sempre,
    ti farò mia sposa
    nella giustizia e nel diritto,
    nell’amore e nella benevolenza,
    ti farò mia sposa nella fedeltà
    e tu conoscerai il Signore».
    Parola di Dio

    SALMO RESPONSORIALE

    Sal 44

    Ecco lo sposo: andate incontro a Cristo Signore.
    Ascolta, figlia, guarda, porgi l’orecchio:
    dimentica il tuo popolo e la casa di tuo padre;
    il re è invaghito della tua bellezza.
    È lui il tuo signore: rendigli omaggio.
    Entra la figlia del re: è tutta splendore,
    tessuto d’oro è il suo vestito.
    È condotta al re in broccati preziosi;
    dietro a lei le vergini, sue compagne,
    a te sono presentate.
    Condotte in gioia ed esultanza,
    sono presentate nel palazzo del re.
    Ai tuoi padri succederanno i tuoi figli;
    li farai prìncipi di tutta la terra.

    Canto al Vangelo

    Alleluia, alleluia.
    Vieni, sposa di Cristo, ricevi la corona,
    che il Signore ti ha preparato per la vita eterna.
    Alleluia.

    VANGELO DELLA SANTA MESSA

    Ecco lo sposo! Andategli incontro!

    Mt 25,1-13

    Dal Vangelo secondo Matteo
    In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli questa parabola:
    «Il regno dei cieli sarà simile a dieci vergini che presero le loro lampade e uscirono incontro allo sposo. Cinque di esse erano stolte e cinque sagge; le stolte presero le loro lampade, ma non presero con sé l’olio; le sagge invece, insieme alle loro lampade, presero anche l’olio in piccoli vasi. Poiché lo sposo tardava, si assopirono tutte e si addormentarono.
    A mezzanotte si alzò un grido: “Ecco lo sposo! Andategli incontro!”. Allora tutte quelle vergini si destarono e prepararono le loro lampade. Le stolte dissero alle sagge: “Dateci un po’ del vostro olio, perché le nostre lampade si spengono”. Le sagge risposero: “No, perché non venga a mancare a noi e a voi; andate piuttosto dai venditori e compratevene”.
    Ora, mentre quelle andavano a comprare l’olio, arrivò lo sposo e le vergini che erano pronte entrarono con lui alle nozze, e la porta fu chiusa. Più tardi arrivarono anche le altre vergini e incominciarono a dire: “Signore, signore, aprici!”. Ma egli rispose: “In verità io vi dico: non vi conosco”.
    Vegliate dunque, perché non sapete né il giorno né l’ora».
    Parola del Signore

  • MARTEDÌ DICIANNOVESIMA SETTIMANA DI TEMPO ORDINARIO 2011:

    Tempo Ordinario.

    PRIMA LETTURA DELLA SANTA MESSA

    Sii forte e fatti animo, Giosuè, perché tu condurrai questo popolo nella terra.

    Dt 31,1-8

    Dal libro del Deuteronòmio
    Mosè andò e rivolse queste parole a tutto Israele. Disse loro:
    «Io oggi ho centovent’anni. Non posso più andare e venire. Il Signore inoltre mi ha detto: “Tu non attraverserai questo Giordano”. Il Signore, tuo Dio, lo attraverserà davanti a te, distruggerà davanti a te quelle nazioni, in modo che tu possa prenderne possesso. Quanto a Giosuè, egli lo attraverserà davanti a te, come il Signore ha detto.
    Il Signore tratterà quelle nazioni come ha trattato Sicon e Og, re degli Amorrei, e come ha trattato la loro terra, che egli ha distrutto. Il Signore le metterà in vostro potere e voi le tratterete secondo tutti gli ordini che vi ho dato.
    Siate forti, fatevi animo, non temete e non vi spaventate di loro, perché il Signore, tuo Dio, cammina con te; non ti lascerà e non ti abbandonerà».
    Poi Mosè chiamò Giosuè e gli disse alla presenza di tutto Israele: «Sii forte e fatti animo, perché tu condurrai questo popolo nella terra che il Signore giurò ai loro padri di darvi: tu gliene darai il possesso. Il Signore stesso cammina davanti a te. Egli sarà con te, non ti lascerà e non ti abbandonerà. Non temere e non perderti d’animo!».
    Parola di Dio

    SALMO RESPONSORIALE

    Dt 32

    Porzione del Signore è il suo popolo.
    Voglio proclamare il nome del Signore:
    magnificate il nostro Dio!
    Egli è la Roccia: perfette le sue opere,
    giustizia tutte le sue vie.
    Ricorda i giorni del tempo antico,
    medita gli anni lontani.
    Interroga tuo padre e te lo racconterà,
    i tuoi vecchi e te lo diranno.
    Quando l’Altissimo divideva le nazioni,
    quando separava i figli dell’uomo,
    egli stabilì i confini dei popoli
    secondo il numero dei figli d’Israele.
    Perché porzione del Signore è il suo popolo,
    Giacobbe sua parte di eredità.
    Il Signore, lui solo lo ha guidato,
    non c’era con lui alcun dio straniero.

    Canto al Vangelo

    Mt 11,29

    Alleluia, alleluia.
    Prendete il mio giogo sopra di voi, dice il Signore,
    e imparate da me, che sono mite e umile di cuore.
    Alleluia.

    VANGELO DELLA SANTA MESSA

    Guardate di non disprezzare uno solo di questi piccoli.

    Mt 18,1-5.10.12-14

    Dal Vangelo secondo Matteo
    In quel momento i discepoli si avvicinarono a Gesù dicendo: «Chi dunque è più grande nel regno dei cieli?».
    Allora chiamò a sé un bambino, lo pose in mezzo a loro e disse:
    «In verità io vi dico: se non vi convertirete e non diventerete come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli. Perciò chiunque si farà piccolo come questo bambino, costui è il più grande nel regno dei cieli. E chi accoglierà un solo bambino come questo nel mio nome, accoglie me.
    Guardate di non disprezzare uno solo di questi piccoli, perché io vi dico che i loro angeli nei cieli vedono sempre la faccia del Padre mio che è nei cieli.
    Che cosa vi pare? Se un uomo ha cento pecore e una di loro si smarrisce, non lascerà le novantanove sui monti e andrà a cercare quella che si è smarrita? In verità io vi dico: se riesce a trovarla, si rallegrerà per quella più che per le novantanove che non si erano smarrite. Così è volontà del Padre vostro che è nei cieli, che neanche uno di questi piccoli si perda».
    Parola del Signore

Contenuto aggiornato il 2012-01-10T00:00:00Z